130 anni del Liceo Michele Amari


l'idea

I 130 anni dalla nascita del Liceo Classico Michele Amari saranno ricordati, oltre che con due giornate di iniziative culturali, anche con l'installazione creativa: "In the wall". Essa é stata realizzata sulla parte sinistra del prospetto che costituisce l'edificio. Il grande numero centotrenta associato a quadrati colorati, definiscono l'evento senza spingersi su descrizioni di dettaglio. L'idea si ispira alle esperienze maturate nella sezione grafica della scuola del Bauhaus e alle produzioni pittoriche astratte di Piet Mondrian. Razionalismo e campi di energia-colore che hanno il compito di definire lo spirito ispiratore della nostra scuola-liceo.

Rosario Musumeci


Gymnasium, l''annuario per i 130 anni del ginnasio Michele Amari verrà  presentato al pubblico di Giarre. (nella foto l'invito)

Elenco amici

Michele Alia -Biagio Andò - Antonina Castiglione - Rosanna Barbieri - Venera Battiato - Rosario Bella - Giovanna Buda - Rosaria Cardillo - Raffaella Chiavetta - Comune di Sant'Alfio - Concita Caminiti - Leonarda Correnti - Alfia Cosentino - Armando Cutuli - Lucia Cutuli - Cinthia D'Anna - Giuseppe D'Urso - Paolo Daniele - Francesca Di Bella - Marinella Fiume - Mariangiola Garraffo - Giovanni Lutri - Maria Grasso - Grazia Carota - Sandra La Ferrara - Elio La Spina - Carmelo leotta - Lina Longhitano - Rosanna Maletta - Carla Marcimino - Giuseppina Marchese - Caserta Maria - Mariaconcetta Calabrese - Maurizio Massimino - Alessandra Mauro - Nicolò Mineo - Noemi Mormina - Rosario Musumeci - Alio Nicolosi - Nino Amante - Maria Novelli - Isidoro Nucifora - Nunzia Torre - Giuseppe Pagano - Gianfranco Pappalardo - Francesco Privitera - Antonio Puglisi - Nino Raciti - Francesco raneni - Gaetano Raspante - Roberto Bonaccorsi -  Rosanna Greco - Rosario  Calabrese - Mariapia Russo - Salvatore Santoro -Sebastiano Russo - Salvatore Musumeci - Salvo Andò - Sebastiano Andò - Elvira Sorbello - Massimiliano Sorbello - Vito Sorbello - Nunziatina Spatafora - Carmelo Spitaleri - Paola Strano - Raffaele Strano - Marinella Tomarchio - Carmelo Torrisi - Elia Torrisi - Giuseppe Toscano - Luana Toscano - Alfia Trovato - Anna Vasta - Carmela Vecchio -Giovanni Vecchio - Ignazio Vecchio - Lia Vecchio  



eventi


Lo scorso 2 aprile si è svolto, nell'Aula Magna del Liceo Classico Michele Amari, un incontro organizzato dall'Associazione ex alunni e amici dell'Amari e l'Archeoclub, area ionico-etnea, dal titolo: I 90 anni di Anna Frank. La Shoah, a cura della Prof.ssa Anna Castiglione.

La relatrice, ha brillantemente esposto, ai presenti, tra i quali vi era un nutrito gruppo di studenti dell’Amari, l’opera e la progressiva maturazione umana e morale della sua autrice, sottolineando l’intrecciarsi della microstoria di Anna e la sua famiglia, con i fatti mondiali e di come, ancora oggi, l’approccio alla lettura del diario possa avere valenze formative, soprattutto alla luce di nuove recrudescenze xenofobe.

L’ incontro si è concluso con le parole di Primo Levi: 

…della fanciulla d'Olanda murata fra quattro mura che pure scrisse la sua giovinezza senza domani: la sua cenere muta è stata dispersa dal vento, la sua breve vita rinchiusa in un quaderno sgualcito…

appuntamenti



Giovedì 9 maggio 2019, nell'aula magna del Liceo Classico “M. Amari” di Giarre, dalle ore 11,20 alle 13.15, il prof. Nicolò Mineo, in collaborazione con “l’Associazione ex alunni e amici dell’Amari”, terrà una lezione-conversazione, con gli studenti delle classi quarte del liceo classico, sul romanzo “Il Gattopardo”.

La manifestazione è aperta ai soci

 


pubblicazioni


1 Dicembre 2015

A pochi giorni dai funerali del professore Giuseppe Giarrizzo, tenutisi a Riposto, sua città natale, anche noi dell’Associazione Amici e ex Alunni dell’Amari, il Dirigente scolastico prof.  Giovanni Lutri e tutto il personale dell’ I.I.S. “ M. Amari”, vogliamo dare un contributo al suo ricordo, alle tante testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato. Per la nostra Associazione, la figura del professore Giarrizzo ha voluto dire tanto e, non solo per le collaborazioni frutto della sua disponibilità, di studioso che non si sottraeva alla dotta conversazione, al confronto, “ … molti storici, italiani e non, ho incontrato: con molti di essi mi sono scontrato, a tutti debbo molto di più di quanto essi non abbiano saputo …(1) , ma anche, e soprattutto, per la grande umanità, per aver operato un connubio tra il pensiero storico e l’impegno civile di militanza politica. Il professore Giarrizzo ha fatto parte di quella nobile schiera di studiosi aperti al dialogo che hanno trasmesso a generazioni di studenti, oltre che il sapere delle carte , il rigore etico dell’uomo. Ecco, noi così lo vogliamo ricordare, con alcune sue righe dove forte è la sua passione di “storico meridionale”, sensibile anche ai molteplici rapporti tra il potere e il cambiamento della società meridionale “… la Sicilia araba si pone così in modello affine ma alternativo all'Italia “germanica” del medioevo degli invasori: gli arabi che pur aiutavano i siciliani a guarir dalla “tisi”bizantina, sperimentavano nell'isola un modello di civiltà che si sarebbe rivelato essenziale per la fondazione della “nazione” e per il contributo storico della Sicilia alla nascita e allo sviluppo dell’Italia” (2)

 

 (1)  da Cent’anni del  ginnasio,

         Note autobiografiche, 1987.

 (2)  G. Giarrizzo, presentazione di M.Amari,

         Storia dei Musulmani di Sicilia

         Firenze 2002